Clergyman - Fuoco Edizioni

acquisto libri
Acquista il tuo libro online
Fuoco Edizioni
Logo casa editrice
Libri Fuoco Edizioni
Logo casa editrice
Logo casa editrice
Logo casa editrice
Vai ai contenuti

Clergyman

Fumetto italiano horror

Cari lettori,

dopo aver pubblicato circa cinquanta titoli nel campo della narrativa prevalentemente di stampo avventuroso e poliziesco e della saggistica specializzata nel settore dell’indagine geopolitica, con Clergyman La Fuoco Edizioni punta ad aprirsi una via nel mondo del fumetto popolare. Sappiamo benissimo che sarà un’impresa ardua, e ne siamo consapevoli perché conosciamo le statistiche che abbiamo sempre sul tavolo di lavoro per ricordarci che dal Dopoguerra ad oggi, delle centinaia di testate di fumetti italiani apparse nelle edicole, soltanto cinque possono affermare di aver vinto la battaglia contro il tempo restando ininterrottamente sul campo per almeno trenta anni. Parlo di Tex (che nasce nel 1948), di Zagor (1961), di Diabolik (1962), di Alan Ford (1969) e di Martin Mistère (1982). Il resto o è ancora in corsa (vedi Dylan Dog e pochi altri) o non ce l’ha fatta. E se per signori fumetti come ad esempio Mister No, Il Comandante Mark, Il Piccolo Ranger, Capitan Miki, Blek, Kriminal, Satanik, Magico Vento, Nick Raider, Balboa, Akim o Johnny Logan le cose sono comunque andate bene - hanno retto per lustri, alcuni anche per più d’un ventennio -, lo stesso non può dirsi per moltissime strisce, anche di qualità, che si sono dovute arrendere alle impietose leggi del mercato dopo l’uscita di pochi albi. Rammento ancora il dispiacere per la chiusura di nomi quali Daniel (bloccatosi al numero 30), Cliff e Judas (ambedue al 16) o Angel Dark (al 10). Il protagonista di questa serie è un prete - un clergyman, appunto - dotato probabilmente di poteri paranormali. A chi somiglia? Forse ha qualcosa del padre Brown di Chesterton, mentre ad altri potrà ricordare padre Flanagan, quello della Città dei Ragazzi, o persino don Bosco, chissà. Certo è un parroco che conosce il latino, disdegna la carriera e si comporta proprio come un curato di campagna impegnato da mane a sera a difendere il suo gregge di pecorelle residenti in un villaggio, Vado Oscuro, che in pochi metri quadrati racchiude tuttavia l’intero mondo. Un mondo ai confini della realtà. Nelle storie di Clergyman c’è un po’ di tutto, dall’horror classico alla rivisitazione delle cosiddette leggende metropolitane. Vado Oscuro è una via di mezzo tra Twin Peaks e Wisteria Lane, è un villaggio abitato da una bella comunità, che tuttavia nasconde segreti ed è assediata dal Male. Mi fa pensare anche alla Smallville del primo Superman o alla cinematografica Pleasantville, dove il tempo è fermo agli anni ’50 e tutto sembra perfetto. Sembra, appunto…

Pagine in b/n 18, Formato 12x17cm, Prezzo 2,50€


Pierluigi Felli
è un ex avvocato che nel 2003 ha deciso di smettere con la professione forense per dedicarsi interamente all’attività letteraria. Da allora gli sono state pubblicate trentaquattro opere di narrativa, per lo più rientranti nel genere giallo e d’avventura, anche se non sono mancate incursioni nel western, nella fantascienza, nel romanzo sociale… Per la Fuoco ha già lavorato, realizzando i romanzi La ballata dei Dead Cats, Quando suona il gong (con Antonio Romano), Sahara Sabbia e Sangue, Chi muore si rivede, Odissea nella nebbia, La fredda notte di Babbo Natale e la raccolta di racconti Celeste nostalgia. Vive a Latina, ha quarantanove anni, una moglie e un figlio di otto anni.
Su di lui possiamo dire inoltre che a cinque anni ha imparato a leggere sfogliando il numero 74 di Zagor, La stella di latta. A proposito: considera Guido Nolitta, l’inimitabile imitatore, lo sceneggiatore italiano più grande. Mentre l’età adulta la sta trascorrendo, anche per motivi di lavoro, con in mano romanzi, l’infanzia l’ha invece passata in mezzo ai fumetti. Da Zagor ha imparato la difesa dei più deboli, da Batman il senso della giustizia, l’Uomo Ragno gli ha fatto venire voglia di iscriversi al liceo, ha imparato più giurisprudenza con Devil che dal manuale di procedura penale, Alan Ford lo ha fatto appassionare alla satira politica e infine lo spirito d’avventura di Mister No e la solitudine di Corto Maltese gli hanno irrimediabilmente condizionato la vita.

Danilo Angeletti
lavora per alcuni anni con vari studi fotografici come addetto al ritratto e fotoritocco con aerografo. Impara l'illustrazione cinematografica ed iperrealista stringendo amicizia con l'illustratore E. Sciotti che mantiene tutt'ora come punto di riferimento. Studia come autodidatta le varie tecniche pittoriche preferendo su tutte l'acrilico e l'olio. Ha partecipato e partecipa a vari concorsi e mostre. Lavora per clienti privati nella realizzazione di scenografie e pannelli scenografici per teatri e parchi divertimento. Negli ultimi anni si dedica come autodidatta all'animazione 2D partecipando a concorsi del settore. Attualmente è anche docente di fumetto presso Tunuè Lab a Latina.



Clergyman
di P. Felli e D. Angeletti
Disponibilità limitata
2,50 €
Aggiungi
New!
Copyright © Fuoco Edizioni 2008-2020
Motto Fuoco Edizioni
Torna ai contenuti