Fuoco Edizioni Twitter
Immagini della Fuoco Edizioni
acquisto libri
Logo casa editrice
Acquista il tuo libro online
Fuoco Edizioni
Lettrice Fuoco Edizioni
Pagina Pinterest Fuoco Edizioni
pagina fuoco edizioni google plus
Vai ai contenuti

Menu principale:

Petrolio, cammelli e finanza

Storia dei rapporti tra Italia e Libia prima della caduta di Gheddafi

C’è un filo rosso che storicamente unisce Tripoli e Roma. Cento anni fa le truppe del Regno d’Italia, non senza difficoltà, sbarcarono sulle coste libiche con il compito di dare al nostro Paese, che mezzo secolo prima aveva riacquistato la propria unità, quell’impero coloniale proprio di ogni grande potenza europea.
Da allora i rapporti tra le due sponde del Mediterraneo sono continuati in modo pressoché ininterrotto, pur tra alti e bassi. All’indomani della II guerra mondiale, sul piano politico i libici iniziarono a rinfacciare all’Italia la dura repressione operata dal fascismo nel tentativo di sottomettere tutto il Paese, mentre a livello economico l’Eni ed altre aziende italiane iniziarono a piantare le tende nel deserto libico. Dopo il 1969, e il colpo di Stato guidato dal Gheddafi, i rapporti diplomatici si inasprirono a tal punto che l’anno successivo i coloni italiani ed i loro eredi furono non solo espropriati di tutti i beni ma anche espulsi dalla Libia.
Nonostante nel tempo i rapporti economici tra i due Paesi siano sempre rimasti ottimali, con Gheddafi che già negli anni ’70 acquisì un buon pacchetto azionario della Fiat, la strada della pacificazione politica è stata molto più lunga e tortuosa e solo negli ultimi dieci anni, anche grazie ai buoni uffici tra Berlusconi e Gheddafi, si sono normalizzati.
Oggi sull’asse Roma-Tripoli viaggiano immigrati, gas, petrolio e soprattutto soldi, con la Libia che ha iniziato ad investire pesantemente nel nostro Paese mentre l’Italia si fa carico di operazioni sempre più onerose, come ad esempio la famosa autostrada costiere fortemente voluta da Gheddafi. Cento anni fa la Libia era una nostra colonia, oggi la situazione sembra quasi essersi capovolta.

Pag. 135, dim. 14x20,6cm, ISBN 9-788890-465857

Indice:
Introduzione, Capitolo 1. Un secolo di storia libica, Capitolo 2. L’Italia, la colonizzazione, il diritto fondiario locale, gli interventi in materia e le rimostranze libiche, Capitolo 3. La cacciata degli italiani, Capitolo 4. Lampedusa, Bengasi e la tregua a rischio, Capitolo 5. Gli interessi commerciali, Capitolo 6. I rapporti politici, Capitolo 7. L’immigrazione, Capitolo 8. Gheddafi e l’Italia: ciò che non si sa, Capitolo 9. Gli scenari futuri e conclusioni.

Fabrizio Di Ernesto
è nato a Monterotondo, in provincia di Roma, nel 1976. Giornalista professionista, tra il 2005 ed il 2009 ha lavorato per il quotidiano Rinascita; attualmente collabora con varie pubblicazioni tra cui le riviste Eurasia ed Alpes ed altre testate on-line. Dal mese di ottobre 2010 è inoltre entrato a far parte della redazione di Agenzia Stampa Italia.
Nel 2009, sempre per i tipi della Fuoco edizioni, ha pubblicato il saggio “Portaerei Italia – Sessant’anni di NATO nel nostro Paese” relativo alla questione delle servitù militari nella Penisola. Grande appassionato di storia e politica, nel 2002 si è laureato in Lettere presso l’Università La Sapienza di Roma discutendo una tesi intitolata “L’ordinamento fondiario nelle colonie e nei possedimenti italiani”.

Petrolio, cammelli e finanza

di Fabrizio Di Ernesto

Saggio sulla storia dei rapporti Italia-Libia

Disponibilità immediata
Sconto quantità Sconto quantità
13,00 € Aggiungi
Copyright © Fuoco Edizioni 2008-2017
Motto Fuoco Edizioni
Torna ai contenuti | Torna al menu