Fuoco Edizioni Twitter
Immagini della Fuoco Edizioni
acquisto libri
Logo casa editrice
Acquista il tuo libro online
Fuoco Edizioni
Lettrice Fuoco Edizioni
Pagina Pinterest Fuoco Edizioni
pagina fuoco edizioni google plus
Vai ai contenuti

Menu principale:

La Romanesca

La cucina romanesca nasce dall’incontro tra la tradizione importata dagli ebrei trapiantati nella città eterna a seguito di vari esodi e quella contadina proveniente dalle vie consolari, lungo le quali giungevano, dall’agro romano, verdura, formaggi, vino e animali. Una cucina popolare da sempre intimamente legata ai prodotti della terra, esaltata da sapori chiaramente identificabili e, seppure spesso realizzata con materie prime “povere”, mai banale. Nascono così dai residui della lavorazione del mattatoio di Testaccio - il quinto quarto - capolavori come la Coda alla Vaccinara. Così come Gricia e Matriciana (diversamente da Amatrice, a Roma la chiamano così) sono diretta conseguenza della cucina dei pastori. Per capire come sia nata veramente la cucina romanesca è necessario approfondire intimamente le tradizioni culturali di Roma, fondersi con esse, percorrendo le tracce della memoria, orale e scritta, delle nonne romane, di osti e di artisti, oltre, naturalmente, di classici autori come Ada Boni, Livio Jannattoni, Luigi Carnacina, ecc. Per questo motivo il libro La Romanesca non è stato pensato come un semplice libro di ricette. Alla ricerca delle origini della cucina popolare, l’autore ha voluto affiancare alla parte gastronomica una serie di aneddoti e curiosità, con sconfinamenti nella leggenda, nel folclore, nella storia, nella letteratura, nel dialetto e negli usi e costumi popolari. Il libro La Romanesca è in fondo un elogio della “cucina bassa”, il contrario di quella cucina arrogante dominata da un mercato che propone cibi industrializzati senza sapore, odore, né tanto meno stagione. manesche, quindi non il solito ordinamento rigoroso per antipasti, primi, eccetera, che comunque il lettore trova nell’INDICE RICETTE Menù, dove le ricette “sparpagliate” del libro, per una più rapida consultazione, sono ordinate anche secondo i canoni tradizionali.

Pagine 362, Formato 14 cm x 20,6 cm, ISBN 9-78889736338-5, Prezzo: Euro 12,00

Indice: PRAEFATIO, I - INTRODUZIONE, II - CIUMACHELLA, III - LUPUS IN FABULA, VI - PANEM ET CIRCENSES, V - PORTICO D’OTTAVIA, VI - TESTACCIO - IL QUINTO QUARTO, VII - QUATTRO QUARTI, VIII – ‘A SOCIETÀ DE’ LI MAGNACCIONI, XI - ER FRITTO E LA FRITTATA, X - GRICIA, MATRICIANA E CARBONARA, XI - PASTASCIUTTA E MACCHERONI, XII - LA MINESTRA DEL PAPA, XIII - SCAPOCCIASARDE E RANOCCHIARI, XVI - CAMPO DE’ FIORI, XV - LA FAVA ROMANESCA, XVI - RICOTTA&PECORINO, XVII - DULCIS IN FUNDO, XVIII - LA CUCINA DEI CUGINI, XIX - NUNC EST BIBENDUM, XX - ALIMENTI E PREPARAZIONI DI BASE, BIBLIOGRAFIA, INDICE DELLE RICETTE, RINGRAZIAMENTI.

Francesco Duscio, architetto, è nato a Roma nel 1952. Grazie al papà, che ogni domenica lo conduceva a visitare monumenti e chiese, fin da piccolo si innamora di Roma e di tutte le sue espressioni, non ultima quella calcistica. La passione per la storia e la tradizione della propria città lo ha portato ad approfondire un aspetto non secondario della cultura capitolina, quello della cucina popolare.

La Romanesca

di Francesco Duscio

Libro di cucina romana

Disponibilità immediata
12,00 € Aggiungi
Copyright © Fuoco Edizioni 2008-2017
Motto Fuoco Edizioni
Torna ai contenuti | Torna al menu