Fuoco Edizioni Twitter
Immagini della Fuoco Edizioni
acquisto libri
Logo casa editrice
Acquista il tuo libro online
Fuoco Edizioni
Lettrice Fuoco Edizioni
Pagina Pinterest Fuoco Edizioni
pagina fuoco edizioni google plus
Vai ai contenuti

Menu principale:

Alla conquista dell Antartide

Dominio geostrategico dell'Antartide oggi

La crescente domanda di idrocarburi per soddisfare il mondo industrializzato potrebbe aprire nei prossimi anni l’Antartico alle multinazionali del petrolio e non solo. Complice il surriscaldamento globale e la riduzione lenta e inesorabile della banchisa. Il Polo Sud è ricco di minerali, materie prime e risorse ittiche, insieme all’80% circa dell’acqua di tutto il globo terrestre. A partire dal XIX secolo, da quando cioè ha avuto luogo la scoperta dell’Antartico, è iniziata la contesa per il controllo di questo continente e delle isole limitrofe.
Dal XX secolo si sono intensificate le spedizioni e le missioni scientifiche per costruire basi e ottenere il controllo geostrategico dell’area. Negli anni Trenta in particolare e durante la Seconda Guerra Mondiale i tedeschi hanno cercato di insediarsi nel Continente, tentando anche di espandersi alle isole adiacenti con l’aiuto dell’Argentina per ottenere petrolio e carbone utili a sostenere l’immane sforzo bellico.
Dal 1945, con l’inizio della Guerra Fredda, anche gli Stati Uniti non sono rimasti a guardare e hanno intrapreso spedizioni militari che vengono ancora oggi effettuate. Il Trattato Antartico, firmato nel 1959 da 47 Paesi, limita le esercitazioni militari al di sopra del 60° Parallelo, ma personale scientifico-militare è dislocato permanentemente in tutto l’Antartide e nelle isole dell’Oceano Atlantico meridionale. Oggi la necessità di reperire sempre nuove materie prime potrebbe spingere gli Stati a rivedere il Trattato del 1959 ed aprire il Polo Sud all’ingordigia delle multinazionali.

Pagine 120, Formato 14cm x 20,6cm, ISBN 9-788890-465895, Prezzo: Euro 12,00

Indice:
Prefazione
, Introduzione, Caratteristiche geo-ambientali dell’Antartico, Il surriscaldamento globale e i suoi effetti sull’Antartide, Il Trattato di Washington e l’Antartico, Le rivendicazioni territoriali e la loro legittimità, L’Operazione Tabarin e il dominio britannico sul Polo, La Gran Bretagna e il British Antarctic Territory, Londra rafforza il suo dominio territoriale, L’Australia e le rivendicazioni sull’Antartide, La Nuova Zelanda e l’Antartico, Cile-Argentina: basi e rivendicazioni territoriali, La Francia rivendica il suo settore esclusivo, L’Italia in Antartide, La Norvegia e la sua presenza in Antartico, La posizione di Stati Uniti e Russia, La Terra di Marie Byrd e gli USA, Le altre rivendicazioni territoriali, I fattori strategici e geopolitici, I nuovi protagonisti della contesa: la Cina, La tutela dell’ambiente marino e la Convenzione di Canberra, La Convenzione di Wellington e lo sfruttamento delle risorse minerarie, Il Protocollo di Madrid e la tutela dell’ambiente, Appendice, Cenni storici, Bibliografia.


Andrea Perrone lavora dal 2006 presso la redazione del quotidiano Rinascita come giornalista professionista, occupandosi in particolare di politica estera focalizzando i suoi interessi sull’Europa e la Federazione Russa.

Tiberio Graziani
è direttore della Rivista di Geopolitica Eurasia e Direttore dell'Istituto di Alti Studi di Geopolitica e Scienze Ausiliarie ISag.

Alla conquista dell'Antartide

di Andrea Perrone

Saggio sulla geopolitica del Polo Sud

Disponibilità immediata
Sconto quantità Sconto quantità
12,00 € Aggiungi
Copyright © Fuoco Edizioni 2008-2017
Motto Fuoco Edizioni
Torna ai contenuti | Torna al menu